Autore Topic: Dal cuore della battaglia.  (Letto 2681 volte)

Offline Nott

  • Lost Contact Staff
  • Hero
  • *
  • Post: 3989
  • Karma: +50/-36
Dal cuore della battaglia.
« il: Dicembre 22, 2010, 06:26:37 am »
Il clangore delle lame riecheggiava nel terreno umido.  Avevo le mani sporche di sangue, mentre le premevo sul petto del guerriero ferito accasciato al suolo. Agonizzava visibilmente,  era stato colpito da quella che a prima vista era sembrata una comune palla di fuoco,  solo osservando attentamente si poteva notare come la ferita da ustione fosse parzialmente congelata sui bordi. La riscoperta delle vecchie terre, aveva riportato alla luce potenti magie, molte delle quali poco note tra i novizi delle armate dell?Alleanza.

Mentre la tromba della carica suonava, e la nostra fanteria pesante avanzava al centro sotto nugoli di frecce, io vi assistevo dalle retrovie. Il principale compito di un novizio durante le schermaglie era quello di offrire protezione ai nostri maghi e preti nelle retrovie, consentendo loro di proteggere le punte della nostra avanzata senza dover badare alla propria incolumit?.

Lo scontro si allargo, i rispettivi attaccanti cominciarono a scontrarsi in unit? pi? piccole, velocemente in movimento lungo il campo di battaglia, consapevoli che rimanere fermi  a tenere la linea per troppo tempo significava essere esposti alle tremende magie provenienti dalle retrovie. Il prete che stavamo proteggendo si lancio all?inseguimento del gruppo a lui assegnato, che si era allontanato dalla sua portata, mentre ormai il fianco sinistro del nostro schieramento cedeva e gli incursori orda ingaggiavano le seconde linee dei novizi.
Erano decenni che l?Alleanza e l?Orda si confrontavano con le solite tattiche: L?Alleanza cercava di caricare l?Orda e costringerla a una strategia difensiva, per la quale erano notoriamente impreparati. Dal canto suo le formazioni dell?Orda erano addestrate nell?ingaggiare le formazioni degli avversari, disperderli, e una volta fatta breccia nelle retrovie saltare al collo della propria vittima: I curatori.

La nostra corsa sul campo di battaglia non passo inosservata, uno dei cacciatori orchi dell? orda ci punto e parti alla carica seguito dalla sua bestia. Le zanne della bestia si saldarono intorno al gambale, e caddi, mentre il secondo membro della scorta si girava per aiutarmi contro la massa di muscoli e pelo che scuoteva la mia gamba come per staccarla. Mentre venivo strattonato e trascinato sul terreno, domandandomi quanto avrebbe resistito il semplice gambale di metallo a tutta quella furia la mia mano afferr? il bordo di uno scudo che giaceva sul terreno e lo calai come un maglio contro il muso della fiera, che mi ringhio di rimando.

Mentre il mio supporto era in pieno duello con il cacciatore orco, che ritrovandosi in uno spazio ristretto per via del poco spazio tra le fortificazioni alleate, stava affrontando con la sua lancia il paladino armato di spada e scudo:  non sarebbe durata a lungo. Finalmente i miei occhi misero a fuoco quella che fino a pochi momenti prima era una bestia sconosciuta, dal pelo scuro come la notte e zanne candide: un bellissimo esemplare di lupo capobranco delle terre oltre il portale.  La sua stazza era impressionante, appena la mia mano tocco l?elsa della spada mi salto addosso:  attui l?impatto con lo scudo mentre le zanne ne graffiavano il metallo, e mentre mi superava sfoderai la mia spada corta. Se volevo intimorire l?animale, evidentemente non ci sarei riuscito in quel modo. Mi presi di coraggio e caricai l?animale, esso scart? di lato e evito il mio affondo, di  rimando cerco di azzannarmi la mano mentre ritornavo in guardia.

Nella mia mente si fece largo il dubbio, la bestia si preparava a un nuovo attacco. In quel momento l?orco urlo di dolore, mentre la spada del paladino che lo affrontava gli trapassava il fianco e scompariva nelle sue viscere. L?animale per la prima volta stacco i suoi occhi da me e corse indietro per aiutare il suo padrone ormai  a terra.  Non riusc? mai a raggiungerlo, venne trafitto al collo da una freccia vagante e stramazzo a terra.   

Eravamo rimasti isolati dal resto della scorta, non ci restava altro da fare che provare ad attraversare quello che rimaneva delle fortificazioni alleate per compiere il nostro dovere e uscire da quell?incubo dove gli uomini potevano perire per un semplice caso del fato o per mano di bestie di altri mondi.

La nostra corsa non dur? a lungo, i nostri piedi rimasero bloccati nel ghiaccio: eravamo finiti nel confronto tra un mago dei forsaken ed un giovane guerriero elfico.

?.continua.

Mi scuso per la forma del testo, in parte dovuto a un p? di confusione mentre scrivevo e sopratutto per via dell'ora tarda in cui mi sono messo a scriverlo. Spero vi piaccia, se avete critiche sono ben accette.

Offline claudio

  • Hero
  • ******
  • Post: 1497
  • Karma: +21/-69
Re: Dal cuore della battaglia.
« Risposta #1 il: Dicembre 22, 2010, 15:17:30 pm »
ben fatto, solo eviterei termini come curatori che sono troppo legati al gioco. inoltre qualche dettaglio ambientale in pi? renderebbe la storia pi? realistica  :)

non è un professore...è solo uno che conosce

Offline Arthans

  • Newbie
  • *
  • Post: 29
  • Karma: +3/-0
  • ARTHANAZZO-BOFALOR
    • GLI SBABBARI -Alliance Guild- LastDawn Italian Shard
Re: Dal cuore della battaglia.
« Risposta #2 il: Febbraio 10, 2011, 17:29:36 pm »
otttimo




Offline Munin

  • Hero
  • ******
  • Post: 1854
  • Karma: +75/-57
Re: Dal cuore della battaglia.
« Risposta #3 il: Febbraio 10, 2011, 17:44:22 pm »
A me il termine curatore non dispiace. Anche perché ? necessario per includere pi? tipologie di healer (druidi, preti, paladini ecc.)
Caso mai chiamerei i preti chierici. Inoltre pensare a un "cacciatore" sul campo di battaglia fa un po' ridere. Fossi in te userei "ranger": rende meglio l'idea del rapporto con gli animali ed ? gi? presente nei romanzi warcraftiani.

Ci sono un po' di errori e non sempre il testo ? scorrevolissimo. Comunque direi che ? il migliore della sezione :mhhae
Citazione da: Lichkings,15/9/2009, 21:41
Andrò solo per la mia strada da paladino superpouaubba

Offline Asmodean

  • Newbie
  • *
  • Post: 4
  • Karma: +0/-0
Re: Dal cuore della battaglia.
« Risposta #4 il: Aprile 25, 2011, 10:47:17 am »
Assolutamente il migliore della sezione,ma dovresti essere più descrittivo: presentare la scenografia,e le fattezze dei personaggi.

Offline Callistus

  • [LD] Sacra Confraternita Mod
  • V.I.P.
  • ****
  • Post: 226
  • Karma: +3/-8
Re: Dal cuore della battaglia.
« Risposta #5 il: Aprile 29, 2011, 02:37:04 am »
Quello che noto sempre in questa sezione e' che gli scrittori cercano sempre di mettere troppa carne sul fuoco. O scegliete di descrivere un particolare momento in modo dettagliato o scrivete un tempo maggiore ma piu generale.

Nott la tua e' la migliore.


Gildature aperte a tutti ----> sacraconfrat.forumfree.net